Luca Raspi e Sergio Cicatelli fanno il punto sullo stato dell’IRC

“Perchè insegnare ancora religione?”

Trent’anni fa vide la luce la Nota Cei «Insegnare Religione Cattolica oggi». Questo documento è, ad oggi, l’unico testo magisteriale che la Chiesa italiana ha dedicato all’Insegnamento e agli insegnanti di Religione.

Da allora molte cose sono cambiate, sia a livello sociale che civile e religioso nel nostro Paese.

Paradossalmente, però, se all’inizio degli anni ’90 sembrava che l’Insegnamento della religione cattolica dovesse morire lentamente ma inesorabilmente, oggi la situazione appare ben diversa: la docenza, nei suoi vari ordini e gradi, si è stabilizzata su numeri standard e la figura del docente Irc ha ritrovato una sua accoglienza e posizione precisa e apprezzata all’interno del corpo degli insegnanti.

Che cosa è cambiato dagli anni della critica pesante all’Insegnamento della religione? Quali sono gli elementi che hanno permesso di rivalutarlo? Quali sono ancora oggi i punti critici e, soprattutto, quali sono le prospettive, sia nell’ambito interecclesiale che in quello civile? Cicatelli e Raspi, esperti riconosciuti nell’ambito della formazione degli insegnanti, ci propongono qui un cammino che è tutt’altro che una celebrazione: è piuttosto una disamina che tutti i docenti dovrebbero leggere, approfondire e utilizzare come occasione per un dibattito.

Il testo è arricchito dalla Predazione di don Daniele Saottini, attuale responsabile dell’Ufficio CEI per l’Insegnamento della Religione Cattolica.